I motivi per minare bitcoin: qual è la soluzione migliore?

Indice dei contenuti

Se vuoi scoprire quali sono i motivi per minare bitcoin, sei nel posto giusto. In questa guida ti spiegheremo tutto ciò che devi sapere sul procedimento per creare nuovi blocchi di criptovalute. Ma prima scopriamo insieme cosa sono i bitcoin e qual è la loro utilità.

Bitcoin: cosa sono

I bitcoin sono delle criptovalute, ossia delle monete segrete che non hanno una fisicità come le tradizionali banconote a cui potremmo pensare. I bitcoin sono presenti sul web sin dal 2008 quando, un gruppo di hacker che agivano sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto, le hanno create. La valuta si presenta sotto forma di un software da installare sia sul computer che sul cellulare. La circolazione dei bitcoin è stata molto veloce e collegata avarie motivazioni finanziarie.

Il carattere principale dei bitcoin e delle criptovalute è che queste sono decentralizzate. Questo significa che non sono collegate e controllate a nessun istituto centrale, come le banche.

I bitcoin per alcuni sono considerati delle monete virtuali, per altri sono delle valute che nascondo tramite un calcolo matematico molto sensibile ed hanno un valore volatile. I bitcoin si trovano nella blockchain, ossia un registro digitale dove controllare tutte le operazioni con le criptovalute. La blockchain è una tecnologia rivoluzione che fa funzionare i bitcoin e consente di avere una gestione digitalizzata delle monete.

Infatti i bitcoin vengono creati non da una banca centrale, bensì dagli utenti stessi che si trovano sul database ed operano con computer ultra accessoriati. Le monete vengono poi custodite all’interno di grandi database, una sorta di portafoglio digitale denominato wallet. Ciascun utente potrà detenere il suo wallet da custodire con un codice segreto. A controllare tutti questi sistemi è la crittografia che garantisce la sicurezza del database.

Come funziona la tecnologia dei bitcoin

Come abbiamo già specificato nei paragrafi precedenti, i bitcoin sono custoditi da ogni utente nei wallet, dei portafogli virtuali che dispongono di un indirizzo preciso e da una chiave segreta e una chiave pubblica che serve a condividere con tutti il portafoglio. La chiave segreta invece serve per accedere al wallet, quindi è personale del titolare.

I bitcoin sfruttano la tecnologia peer-to-peer, lo stesso sistema adoperato al giorno d’oggi per il download di pellicole e musica, dove i file sono custoditi su più pc collegati tra di loro. I bitcoin infatti viaggiano su una rete dove ci sono i collegamenti di tantissimi computer, ossia utenti che interagiscono tra di loro.

I computer messi a disposizione dalla rete per la condivisione dei file, in questo caso i bitcoin, si chiamano miner. I wallet sono invece i programmi per entrare nella rete con i codici di accesso per entrare e per effettuare le varie operazioni.

Per poter usare i bitcoin si devono usare le chiavi di decrittazione da poter scaricare dal proprio wallet. Si tratta di passaggi molto delicati da fare da una mano esperta per evitare l’accesso di hacker. Tutte le transazioni sono poi archiviate nella blockchain, che controlla che l’intera procedura sia stata corretta e non vi siano state frodi.

Minare bitcoin: che significa

Quando si parla di bitcoin è inevitabile non parlare anche del mining e della definizione di “minare bitcoin”. Ma cosa significa?

La parola “minare” potrebbe farci ricondurre all’attività mineraria per l‘estrazione dell’oro, ed effettivamente nelle monete digitali potrebbe avere la stessa accezione. Minare bitcoin significa creare nuovi blocchi di valuta digitale. I cosiddetti miner, ossia gli utenti del database dei bitcoin, utilizzano dei computer particolarmente avanzati e possono dare vita a nuovi segmenti di monete digitali. Si tratta di veri professionisti e non di semplici utenti. Questi effettuano dei calcoli matematici legati alla blockchain, verificano le varie transazioni fatte dagli utenti ogni minuto e tutelano la rete contro le frodi e gli hacker. Ma il loro principale compito è quello di creare nuove monete da immettere nel mercato.

I miner sono pertanto persone fisiche o società che garantiscono una potenza di calcolo mai vista per creare nuovi bitcoin. Per farlo bisogna aggiornare i dati sul registro pubblico e viene immesso un nuovo bitcoin che poi viene venduto. Quando il miner riesce a chiudere una catena in tempo prima degli altri riceverà bitcoin come ricompensa. Per creare nuovi bitcoin, i miner devono ricercare l‘hash del blocco collegato ad un protocollo di autenticazione bitcoin tramite l’inserimento di numeri casuali per trovare il match esatto.

Una volta chiusa la catena arriva la ricompensa per il miner. Maggiore sarà la potenza di calcolo dei loro pc usati per minare è più alto sarà il numero di query di ricerca da poter inserire. Quando viene inserito un nuovo blocco, gli altri miner dovranno validarlo per accertare che le operazioni siano corrette.

I motivi per minare Bitcoin

Ma quali sono i motivi per cui gli utenti vogliono minare bitcoin? Il miner, dopo aver creato il nuovo bitcoin, passa al vaglio della proof-of-work, ossia un controllo effettuato dagli altri miner. Ogni calcolo verrà perciò valutato per capire se sia stato fatto secondo le regole. Gli altri miner quindi hanno il ruolo di revisori dei lavori degli altri, in questo modo i truffatori vengono tenuti fuori da questi processi. I motivi per cui minare bitcoin sono da ricondurre anche nella ricompensa, spesso doppia, che viene data al miner quando aggiunge un blocco di dati alla blockchain.

I motivi per cui i miner scelgono di minare bitcoin è quindi di accaparrarsi le ricompense e mettere in circolazione nuove monete per la compravendita. Ogni quattro anni però, l’emissione di nuovi bitcoin si dimezza. Ad esempio, quando il creatore minò per la prima volta i bitcoin, ebbe come ricompensa 50 bitcoin. Nel 2012 la cifra è scesa a 12,5 bitcoin, nel 2016 è scesa ancora di più.

Motivi per cui conviene minare bitcoin

Sono molti i motivi per cui i miner scelgono di minare bitcoin. Innanzitutto occorre specificare che molti utenti hanno ottenuto dei veri guadagni con questa attività. Dall’altra parte occorre precisare che anche se la concorrenza è molta, ci saranno dei motivi redditizi per cui i miner continuano a minare bitcoin. Tuttavia è ormai difficile stare al passo con i vari concorrenti per chiudere il blocco.