I motivi del successo e della popolarità dei bitcoin: perché sceglierli?

Indice dei contenuti

Il bitcoin è una valuta virtuale, la cui creazione risale a più di dieci anni fa. Come qualsiasi altra moneta ha una propria quotazione. Che tuttavia dipende esclusivamente dalle leggi di mercato, per cui si definisce a seguito di dinamiche connesse alla domanda e all’offerta. Si manifesta inoltre al di fuori dei tradizionali sistemi di credito. Lo scambio e la reperibilità dei bitcoin avvengono difatti all’interno di una rete informatica. Che consente di eseguire in maniera rapida ed in qualsiasi luogo una serie di operazioni commerciali. Ogni bitcoin ha un proprio codice identificativo, da cui è possibile ricavare le generalità del titolare. Questa moneta si può definire anche criptovaluta. E rappresenta una espressione del capitale all’interno della dimensione digitale. Si può utilizzare come mezzo di scambio o per eseguire un finanziamento. I bitcoin in sostanza si possono custodire, trasferire e negoziare in ambito esclusivamente digitale.

  • Per quanto riguarda il valore dei bitcoin si considera suscettibile di subire frequenti modificazioni. Perché dipende unicamente dalle leggi di mercato e quindi dalla richiesta e dell’offerta. Si ricorda che la loro produzione è vincolata ad una diminuzione graduale. Di conseguenza il loro valore si ritiene destinato ad aumentare per gradi. Secondo una convenzione stipulata a livello internazionale si è infatti deciso di imporre un limite temporale alla loro produzione. In sostanza non è possibile produrre più di ventuno milioni di esemplari.

Le caratteristiche

Ciascun bitcoin ha un proprio codice identificativo. Che rimanda alle generalità di chi ne è titolare. Con questa tipologia di criptovaluta è possibile realizzare degli scambi ed acquistare di conseguenza dei beni o dei servizi. Alla stessa maniera si ritiene ammissibile dare vita a dei cambi monetari. Nel senso che è ammesso effettuare delle conversioni. Ma come si è accennato in precedenza non esiste un istituto bancario di riferimento, quindi le operazioni avvengono al di fuori dei contesti canonici. Opera tuttavia una fondazione apposita, attorno alla quale fanno riferimento coloro che compiono delle operazioni commerciali con questa valuta. In ogni modo le attività che si possono coincidono soltanto co le transazioni, i finanziamenti o le conversioni. E dunque non si estendono ad altro, interferendo per esempio sul valore del bitcoin o sulle reti di scambio.

Il bitcoin è dunque una moneta virtuale. Per questo motivo si ritiene esposta all’eventualità di essere rubata, attraverso per esempio un attacco hacker. Ma può anche essere persa, in ragione di problemi tecnici sull’hard disk del computer o a causa della perdita dei codici identificativi. Per scongiurare queste eventualità è possibile sottoscrivere una polizza assicurativa, che è stata creata da un’apposita società britannica. In pratica si offre una cassetta di sicurezza virtuale, dove poter custodire in maniera priva di rischi il proprio credito sotto forma di criptovaluta.

Come si fa a possedere i bitcoin?

Al fine di rilevare questa tipologia di criptovaluta prima di tutto è opportuno aprire un conto corrente telematico. Lo si può fare anche sul proprio smartphone, scegliendo delle apposite applicazioni. In seguito è necessario istallare un registro pubblico, denominato blockhain. Che in pratica rappresenta lo spazio dove poter effettuare le operazioni commerciali. Di recente sono state realizzate anche delle blockhain private, concepite essenzialmente per sistemi chiusi, dove però si richiede il possesso di una specifica autorizzazione al fine di potevi entrare. I portafogli virtuali sono in grado di fornire un bilancio, di modo tale da permettere di verificare le transazioni ed avere presente a quanto ammonti la valuta disponibile. L’ordine cronologico e la funzionalità del sistema sono garantiti com’è noto mediante l’utilizzo della crittografia.

  • La fase decisiva in questo percorso culmina nella ricerca di bitcoin. Tale procedura si definisce mining. Che consiste in una metaforica attività di estrazione. In pratica si mette a lavoro un dispositivo hardware, allo scopo di compiere una serie di calcoli matematici, mediante l’intervento del processore del computer o di quello della scheda grafica. La risoluzione dei calcoli matematici consente di avere accesso alla valuta. Ovviamente si tratta di calcoli estremamente complessi, che col passare del tempo risultano sempre più difficili. Di conseguenza è richiesta una capacità di calcolo notevole ed una conseguente ingente disponibilità di energia. I bitcoin vengono in pratica prodotti a seguito di un processo concorrenziale, dove si retribuiscono coloro che hanno risolto determinate problematiche. Di recente le operazioni di calcolo sono diventate ancor più difficili. Per cui la possibilità che un singolo riesca ad operare in modo efficacie e a rendere fruttuosa la propria attività sono davvero esigue. Di conseguenza sono state create delle organizzazioni, denominate mining pool, dove diversi operatori si riuniscono e mettono in attività i rispettivi sistemi in una aziona congiunta. In tal maniera si possono raggiungere dei risultati soddisfacenti.

I vantaggi

Innanzitutto si può affermare che con i bitcoin non si hanno limiti di sorta. Nel senso che le diverse operazioni contemplate dal sistema consentono di essere effettuate in modo istantaneo ed in qualsiasi luogo. Nonché in ogni momento si desidera. In occasione dell’invio e della ricezione del danaro, in quanto avviene in modo estremamente rapido e in qualsiasi luogo. Le transazioni sono sottoposte a dei costi molto contenuti. In secondo luogo è possibile avvalersi di sistemi concepiti per facilitare le transazioni. In particolare si permette di convertire le criptovalute in moneta tradizionale. Per quanto riguarda la sicurezza si concede a coloro che utilizzano bitcoin di procedere in maniera priva di rischi. Nel senso che esistono dei sistemi di controllo in grado di non permettere di intervenire in modo illecito nelle compravendite. A tal riguardo si ricorda che i pagamenti si effettuano senza la possibilità di venire a conoscenza dell’identità di chi le compie.

  • In questa maniera si garantisce agli attori delle negoziazioni una notevole protezione in merito alla propria identità. Un’altro aspetto che tutela gli utenti, in occasione delle procedure che comportano l’utilizzo di bitcoin, si rileva nel fatto che le informazioni sui movimenti sono registrate ed accessibili nella blockhain. Quindi sono sottoposte ad una verifica. Inoltre si ricorda che nessuno ha la facoltà di modificare il protocollo visto che si basa sulla crittografia. Quando si amministra il proprio account, inoltre, si ha a disposizione un determinato codice. Che in pratica rende la titolarità del bitcoin unica. Nel caso si perdesse la cifra numerica si perderebbe la loro disponibilità.

Gli svantaggi

Gli aspetti sfavorevoli sono legati per lo più al fatto che si tratta di una moneta nuova. La sua diffusione nonché l’andamento del suo valore non segue dei parametri canonici. Quindi si reputa una valuta ancora soggetta a fluttuazioni imprevedibili, sebbene si possa ritenere in progressivo consolidamento. Il mercato che gira intorno alla criptovaluta si ritiene ancora pionieristico e quindi in una dimensione priva di una serie di salvaguardie. Tali dinamiche rendono la moneta suscettibile di repentini cambi di valore. Che comportano l’inaffidabilità di quelle procedure volte a convertire le valute tradizionali in criptovalute. Si tratta di dinamiche assai rischiose. Di conseguenza è auspicabile che si frequenti questa dimensione con cautela e la necessaria conoscenza.

Un altro aspetto interessante, che per certi versi si potrebbe ritenere uno svantaggio, è rappresentato dal fatto che il bitcoin non fa riferimento al sistema bancario. Per molti questa condizione rappresenta un’opportunità. In quanto non si devono affrontare una serie di vincoli o di spese, che altrimenti si dovrebbero sopportare qualora si seguissero dei percorsi canonici. Ma da un altro punto di vista una situazione del genere la si può considerare poco trasparente e non sicura. Perché ci si muoverebbe lontani dalla presenza di una serie di sistemi di controllo collaudati.

I motivi del successo del bitcoin

Il successo del bitcoin si rintraccia prima di tutto nella sua piattaforma, ossia nel blockhain. In quanto si tratta di una dimensione che ha permesso di fare un salto di qualità nelle operazioni commerciali. E di superare la presenza di una serie di entità, che altrimenti si troverebbero obbligate ad entrare in gioco. Ci si riferisce innanzitutto agli istituti di credito. Il blockhain in pratica è un enorme database, che si ritiene impossibile da manipolare. Ma che permette di velocizzare le transazioni e di manifestarle in una dimensione alternativa e sicura.

  • Il valore di un bitcoin si ritiene dipendente esclusivamente dalle leggi di mercato, ossia dalla domanda e dall’offerta. E non influiscono assolutamente i processi inerenti al sistema creditizio tradizionale. L’assegnazione di nuova moneta e l’attribuzione della proprietà avviene tramite la crittografia. Ossia ci si muove attraverso delle procedure che non sono decifrabili. Quindi si evita che siano accessibili da parte di individui che non ne hanno titolarità.