Bitcoin: si possono perdere? Come fare per evitare di perdere il tuo portafoglio

Indice dei contenuti

Se vuoi capire se si possono perdere i bitcoin e se esistono dei rischi seri per le proprie criptovalute, sei nel posto giusto. In questa guida ti spiegheremo ogni dettaglio su quali rischi si corrono con i bitcoin e come si fa a correre ai ripari. Ma prima, scopriamo insieme cosa sono i bitcoin e a cosa servono.

Bitcoin: cosa sono

I bitcoin sono una valuta virtuale che non va concepita come una normale moneta dal momento che non ha una vera e propria fisicità. È stata fondata nel 2009 da un gruppo di hacker giapponesi che agivano sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. Come ogni altra moneta, anche il bitcoin ha una sua quotazione che dipende però da leggi di mercato e dal rapporto che c’è tra la domanda e l’offerta. Le transazioni di bitcoin avvengono all’interno di una rete informatica che consente di eseguire in modo rapido qualsiasi operazione.

I bitcoin hanno la caratteristica di essere decentralizzati da qualsiasi ente. Infatti non c’è una banca che ha il pieno controllo sulle monete. Il tutto è gestito da un meccanismo peer-to-peer. Ogni bitcoin è identificato con un suo codice da cui si può arrivare al suo titolare. I bitcoin si possono usare per acquistare, per investire, per trasferire e ricevere e si possono anche custodire. Questo significa anche che i bitcoin si possono perdere, ma lo vedremo meglio nei paragrafi successivi.

Per quanto riguarda il valore, i bitcoin spesso possono avere delle oscillazioni nel mercato. Questo significa che quando si fanno degli investimenti può esserci sia il guadagno che la perdita.

Caratteristiche dei bitcoin: si possono perdere?

I bitcoin dispongono di un codice identificativo per poter risalire al titolare. In questo modo le criptovalute potranno essere scambiate o acquistate o si potranno fare delle conversioni monetarie. Non esiste un istituto centralizzato che controlla i bitcoin. Le operazioni avverranno invece all’interno di un database, la blockchain, dove si possono monitorare i vari blocchi di catene.

Il bitcoin è una vera e propria moneta virtuale e spesso può essere esposta al rischio di essere rubata. Ma quindi i bitcoin si possono perdere? Sì, è possibile. Anche i database e i profili degli utenti che dispongono di un wallet personale possono essere attaccati dagli hacker. Ma i bitcoin si possono anche perdere se ci sono dei problemi tecnici sull’hard disk del proprio computer o perché si perdono i codici identificativi.

Per poter evitare di perdere i bitcoin, si potrà anche sottoscrivere una polizza assicurativa, ossia una sorta di cassetta di sicurezza virtuale dove si potranno custodire i propri bitcoin.

Bitcoin: si possono perdere? Il parere degli esperti

I bitcoin si possono perdere, il rischio esiste sempre. Con un investimento in criptovalute sarà possibile perdere il proprio capitale anche se è difficile che venga azzerato completamente il proprio patrimonio. Infatti di solito l’azzeramento completo avviene in caso di fallimento di un progetto.

Sono molte le dichiarazioni che colpiscono negli ultimi tempi e allarmano gli investitori di bitcoin. Molti esperti dichiarano che in base alle oscillazioni del mercato potrebbe accadere di perdere tutto. In fondo le criptovalute sono dei beni speculativi, i prezzi quindi possono raddoppiare come possono anche dimezzarsi del tutto.

Quindi molti banchieri si assicurano sempre che gli investitori facciano delle scelte giuste per non vedere svuotato tutto il loro investimento.

Bitcoin possono essere rubati?

I bitcoin si possono perdere se vengono rubati, questa è una notizia accertata. Infatti il bitcoin, come qualsiasi altra criptovaluta, si trova sotto il controllo del suo possessore fino a che questo ne dispone. Se il possessore della moneta diventa qualcun altro, anche tramite operazioni illecite come i furti, la titolarità passa all’altro e viene persa dal possessore principale. Infatti il valore di un bitcoin non può più essere spendibile se passa a qualcun altro, proprio come le monete tradizionali.

Ogni portafoglio virtuale dove vengono custoditi i bitcoin, ossia i wallet, dispongono di chiavi privati e di chiavi pubbliche. Le chiavi private non devono mai essere date a nessuno e devono restare sempre segrete. Qualora queste venissero scoperte da un soggetto terzo, allora sarà automatico che venga facilitato l’accesso di estranei al wallet personale.

Quando si perdono i bitcoin per il furto, è difficile risalire al ladro, chiamato cyber-criminale. Infatti non sempre è semplice risalire alle modalità del furto e di sottrazione dei bitcoin. Questo perché il furto in sé avviene sotto forma di una normale transazione nella blockchain e quindi potranno anche risultare anonimo.

Come evitare che i bitcoin si possono perdere

Per evitare di perdere i bitcoin si possono adoperare dei sistemi per non rischiare di finire sotto attacco. Si potranno ad esempio adoperare gli Exchange per gli acquisti per poi spostarli sul wallet. Si tratta di sistemi che consentono di avere un controllo totale o parziale delle chiavi. Gli Exchange fungono da contenitori delle chiavi segrete dei vari titolari di un conto bitcoin.

Con gli Exchange l’utente potrà garantire una maggiore precauzione sulla sicurezza del proprio conto. In realtà molto dipende anche dal tipo di portafoglio che si sceglie per la custodia del proprio conto in bitcoin.

Infatti se si sceglie un wallet multifirma sarà possibile avere più di una chiave per spostare il conto. Infatti se servono due chiavi è difficile che il ladro riesca a prenderne il contenuto. Si tratta di un sistema di autenticazione a doppio fattore con due firme di titolari. Con questo sistema non sarà impossibile perdere i bitcoin, ma potremo evitarlo.

Conclusione

La possibilità che si possono perdere bitcoin è sempre dietro l’angolo. Questo può dipendere sia dagli attacchi da parte di hacker che prelevano i bitcoin dal nostro conto e sia per ragioni di mercato finanziario. Per evitare il rischio di azzeramento del proprio conto, sarà possibile rivolgersi a wallet di vario tipo che dispongono di sistemi di sicurezza maggiori.

Scegliere la cassaforte per le proprie criptovalute è infatti un passaggio fondamentale. Alcuni portafogli infatti sono considerati più sicuri rispetto ad altri perché non consentono al truffatore di eseguire delle transazioni. Tra questi vi segnaliamo il Green Address, il Conio e Altana.