Bitcoin: come conservare le criptomonete in modo sicuro?

Indice dei contenuti

Se vuoi scoprire come conservare i bitcoin in modo sicuro, sei nel posto giusto. In questa guida ti spiegheremo ogni dettaglio sulle criptovalute più famose nel mercato delle monete digitali. Ma prima, scopriamo cosa sono i bitcoin e qual è la loro utilità.

Bitcoin: cosa sono

I bitcoin sono una criptovaluta con cui fare degli acquisti, delle transazioni e degli investimenti nel sistema monetario digitale. Sono state create nel 2009 da un gruppo anonimo di hacker che hanno agito sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto. In realtà parlare di bitcoin come una moneta non è sempre corretto. Infatti si tende a definirle soprattutto delle riserve di valore molto volatili. La caratteristica principale dei bitcoin p che si tratta di valute decentralizzate. Questo significa che non agiscono guidate da un ente centrale, come la banca, né fanno uso di meccanismi sofisticati. Il valore è determinato solo dal rapporto tra la domanda e l’offerta.

Questo carattere decentrato porta i bitcoin ad essere monitorati e controllati direttamente dagli utenti del web. Ma questo comporto anche un minor rischio di perdita delle valute. Infatti, non si correrà il rischio che lo Stato ritiri gli averi di un utente dal momento che non c’è una gerarchia bensì un meccanismo peer-to-peer. Questo meccanismo fa sì che le autorità governative non possano in alcun modo bloccare i trasferimenti, sequestrare monete o possedere le chiavi per entrare nei guadagni degli utenti.

I bitcoin adoperano un database, la blockchain, distribuito tra i nodi della rete. Ogni transazione ed ogni movimento monetario sono controllati. I dati personali degli utenti anche sono protetti dalla crittografia. I dati di ogni utente vengono salvati sui profili e ciascun bitcoin è raccolto nei wallet, ossia i portafogli digitali. Il wallet ha un numero identificativo, ossia una sorta di indirizzo con un codice alfanumerico che ha tra i 25 e i 36 caratteri tra numeri e lettere.

Blockchain: cos’è

La blockchain è una tecnologia molto rivoluzionaria che significa letteralmente “catena di blocchi”.

Si tratta di un grande database digitale, un registro che tiene uniti tutti i blocchi di criptovalute ordinate cronologicamente. Quando viene costruito un nuovo segmento di bitcoin, questo si unisce alla catena già esistente. Il registro è condiviso tra tutti gli utenti. Questo significa che ciascuno può accedere alla blockchain e monitorare le nuove aggiunte, ma nessuno può modificarne i blocchi poiché protetti dalla crittografia.

Ma a cosa serve davvero la blockchain? Questo sistema servirà a verificare che non avvengano frodi nelle transazioni ma anche per controllare da dove arrivano alcuni prodotti. Ogni volta che viene eseguita una nuova transazione, viene creato un nuovo blocco dati che va verificato e approvato da tutti i pc che sono legati a quella catena, ossia milioni di computer. Una volta validato il blocco, questo viene aggiunto alla catena.

Bitcoin: come si creano

Prima di scoprire al meglio come conservare i bitcoin, sarà fondamentale conoscere le modalità di creazione di queste criptovalute. Forse non molti sanno che i bitcoin vengono realizzati attraverso il mining.

Il mining è un processo che serve proprio a generare nuovi bitcoin. A crearli sono degli utenti, i miners, che mettono a disposizione la forte potenza di calcolo dei loro computer con una ricompensa in bitcoin.

Come conservare i bitcoin: il wallet

Per iniziare a fare i primi passi nel mondo dei bitcoin bisogna sapere come conservare queste valute digitali. Per prima cosa bisognerà aprire un wallet, una sorta di conto o meglio di portafoglio digitale che conterrà ogni avere.

I wallet online servono a conservare i bitcoin e sono molto facili da aprire e utilizzare. Esistono dei wallet online da usare da ogni utente, oppure si possono scaricare. Quest’ultima modalità risulta meno immediata ma anche più avanzata per gli utenti esperti. Si tratta di programmi veri e propri che consentono di avere un wallet sul proprio dispositivo da consultare in ogni momento. Potremo scaricarli sia per il computer che il cellulare.

Il vantaggio dei wallet scaricabili è che possono garantire una grande sicurezza. Ciascun utente avrà una password per poter accedere al proprio conto. Questo codice andrà tenuto segretamente altrimenti potrebbero anche svuotare il contenuto del conto qualora riuscissero ad accedere. Il wallet scaricabile in realtà non va incontro a queste problematiche perché sarà strettamente collegato al dispositivo sul quale lo abbiamo inserito. Tuttavia se rubano lo smartphone o il pc si corrono dei rischi e bisognerà anche fare dei costanti backup.

Quali wallet esistono

Il wallet è un vero e proprio programma software che serve a memorizzare le chiavi pubbliche e private di ogni utente, ad inviare e ricevere bitcoin e anche a monitorare il proprio saldo e a interagire con le diverse blockchain.

La differenza sostanziale tra i vari wallet riguarda la connessione da internet. Gli hot wallet possono infatti avviare una connessione ad internet, i cold wallet invece no e salvano i vari dati offline e non consentono di trasferire fondi, ma solo di riceverli.

Poi c’è il paper wallet, un conto con una chiave privata che viene stampata su un documento di carta e si tratta di un sistema molto sicuro. Infatti tiene lontani gli utenti dai guasti degli hardware o dagli attacchi informatici.

Esistono poi i portafogli completi che scaricano l’intero blocco di criptovalute, gli hardware wallet, ossia dei dispositivi fisici per custodire le chiavi segrete degli utenti.

Come conservare i bitcoin

Nel mercato troveremo varie tipologie di portafogli. La loro sicurezza dipenderà dall’uso che ne fa l’utente. Le chiavi private infatti andranno sempre tenute segrete e non bisogna comunicarle a nessuno altrimenti chiunque potrà accedere al wallet. Perdere le chiavi comporterebbe un grande rischio.

Per tale motivo si consiglia sempre di non utilizzare dei bitcoin sconosciuti e, nel caso si software, è meglio prediligere quelli open source che possiedono un tipo di codice pubblico. Sarà importante fare un backup dei propri bitcoin in modo costante.

Uno dei modi più sicuri per conservare i bitcoin è sicuramente il paper wallet, un portafoglio realizzato senza una connessione internet- Tuttavia la sua chiave viene memorizzata su un foglio stampato che bisogna custodire in modo sicuro.